Comunicato Stampa del Partito di Unita’ Comunista-PdUC- Noi diciamo NO al festival neonazista a Cantù!!

Cartello piattaforma antinazi

   21-08-2015.
Care compagne e cari compagni, il Partito di Unità Comunista è presente alla manifestazione ed è stato citato dal quotidiano “La Prealpina” di Varese in quanto aderente alla piattaforma antifascista che condanna la grave violazione della legge sul saluto romano, immortalato in una foto durante il funerale di un’esponente della destra populista, presente in provincia di Varese.Appello: no al festival neonazista a Cantù Le forze politiche, sindacali e sociali firmatarie del presente appello intendono segnalare, soprattutto in quest’anno importante di celebrazione del settantesimo anniversario della liberazione dalla dominazione nazifascista, il pericolo culturale e civile rappresentato dalla insistita volontà dell’amministrazione comunale di Cantù nel concedere la propria struttura pubblica del Campo solare al partito neonazista di Forza Nuova, permettendo così lo svolgimento di un festival nazionale dedicato ai trascorsi dell’esperienza nazista e fascista europea. Festival che prevede e, anzi ha già veduto, la partecipazione di pregiudicati, condannati più volte. Tale determinazione si manifesta proprio in un contesto politico in cui spinte razziste e neo segregazioniste stanno tornando a manifestarsi nel nostro paese e nel continente europeo in generale, con tutto il portato di violenza che le contraddistingue. Basti pensare al partito di Alba Dorata in Grecia, Pravyi Sektor in Ucraina oppure, per limitarsi alle singole personalità politiche, Viktor Orbàn, primo ministro in Ungheria, o Marine Le Pen del Front National. La rivendicazione di un generico senso di tolleranza non può essere sufficiente a giustificare tale scelta politica, con cui l’amministrazione comunale compie un gesto irresponsabile e di gravità sociale molto allarmante. Esso infatti produce un effetto di assuefazione, di fronte al quale si invitano i cittadini canturini a non cedere a un generico stato di accettazione di una scelta che mortifica il loro sentimento democratico e civile. Contro tale festival neonazista, che si terrà dal 12 al 13 settembre 2015, noi vogliamo chiamare l’intera cittadinanza democratica a manifestare la propria ferma opposizione in una iniziativa pubblica che sarà la prosecuzione della giornata provinciale che si terrà a Como il 12 settembre, e che nella sera dello stesso giorno vedrà la presenza a Cantù di un incontro pubblico per spiegare cosa è stata l’esperienza neofascista in Europa nel secondo dopoguerra, quante morti e quante violenze essa ha potato nel nostro Paese.
Comitscientoper(Comitato Scientifico Operativo)-Partito di Unita’ Comunista-PdUC.

Annunci

Comunicato Stampa Partito di Unità Comunista-PdUC: La tragedia dei Migranti e l’Ipocrisia del Governo.

Falceemartello

                                                                                                                                                 18-08-2015.
Il Partito di Unita’ Comunista esprime il piu’ sincero cordoglio per le 49 Vittime del naufragio dinnanzi alle coste della Libia e condanna le trame del terrorismo capitalista e dei suoi travestimenti e provocazioni ,funzionali alla assoluta destabilizzazione sia del Nord Africa che del Medio Oriente.
Queste Vittime sono generate dagli attuali governi asserviti al potere filocapitalista e finanziario internazionale che rispondono ad una turpe regia,abilmente espressa dagli USA e dai suoi alleati.
Non è solo con il cordoglio per le Vittime che si risolvono i problemi della accoglienza ma con politiche internazionali vere che rispettino l’integrita’ dei Popoli e i loro Territori.
A Catania dovrebbe essere prevalente il dissenso delle Istituzioni Locali contro una becera politica internazionale ingerente e aggressiva che fomenta le guerre.
Ovviamente le attuali istituzioni colluse con USA e UE,si limitano a rispondere in modo di facciata,con un perbenismo ipocrita capace di generare solo il volo dei palloncini ma senza alzare un grido di protesta vera,contro chi genera le guerre!

Comitscientoper(Comitato Scientifico Operativo) Partito di Unita’ Comunista-PdUC.

Comunicato Stampa del Partito di Unita’ Comunista-PdUC

                                                               1509695_477739275671695_579123114_n

28-06-2015.

Il Partito di Unità Comunista, si stringe con immenso affetto alla famiglia del Compagno Leon Fontana, deceduto oggi dopo sofferta malattia. Ricordiamo la passione politica che ha condiviso con i suoi compagni di lotta all’interno del nostro partito. Non possiamo dimenticare il suo impegno attivo per la crescita dell’ideale comunista. Il tuo ricordo rimarrà vivo nei nostri cuori, caro Compagno Leon, chi ha compagni non muore mai! Che la terra ti sia lieve! Hasta la Victoria Sempre!

LA LINEA POLITICA DEL PARTITO DI UNITA’ COMUNISTA-P.d.U.C.

1509695_477739275671695_579123114_n
02-04-2015.

La consapevolezza di dover difendere l’autonomia politica che ruota attorno alla chiarezza e alla linea strategica della lotta di classe, ha dato vita ad un gruppo, per ora ristretto ma in continua espansione, il Partito di Unità Comunista che vuole essere il catalizzatore della convinzione del distacco dal “nullismo” tipico di questa fase storica, dove la parcellizzazione delle basi oggettive del marxismo impedisce la piena realizzazione della socializzazione delle masse operaie, facendone emergere il lato individualista e piccolo borghese. Le mille avversità e gli errori, hanno portato oggi la polverizzazione oppositiva, nella quale si dibattono gli attuali partitini comunisti, in omaggio alla zoppia strategica sottomessa agli interessi di segreteria, verso un parlamentarismo falsamente democratico, caratteristico dell’attuale situazione, trasporta in realtà la difficoltà verso l’espansione rivoluzionaria dei riferimenti Marxisti e alla realizzazione del fine ultimo, la dittatura del proletariato. Il nostro fine è restaurare la continuità con la scienza rivoluzionaria di Marx e Lenin, per consentire la ripresa del Leninismo in Italia. Ripudiamo quanti desiderano il prevalere del riflusso nella socialdemocrazia massimalista, già un auge nel vecchio PCI; e del quale vediamo le spoglie contese dagli avvoltoi lacchè, dell’imperialismo atlantista. Le plutocrazie emergenti nell’Unione Europea, volute dall’imperialismo finanziario, sono l’espressione più becera della borghesia reazionaria, e funzionali alle necessità espansionistiche delle strutture speculative operanti all’interno degli stati. Concepiamo dunque il nostro movimento come: costruito sulla militanza di classe del Marxismo – Leninismo, in opposizione all’imperialismo unitario capitalista, edificato sullo sfruttamento delle masse proletarie e concettualmente antiumano. Riappropriandoci dell’idea socialista della collettività desideriamo impedire l’avanzata della decadimento sociale, segnato in questi anni dalla colonizzazione mediatica, scolastica e collettiva degli interessi privati in ambito statale. Riportare il lavoro al centro dello sviluppo sociale ed economico, ripristinare lo stato sociale, rompere tutti i trattati che ci legano alle unioni Europea e Nato uscendo così dalla logica dell’imperialismo unitario. La nostra partecipazione al parlamentarismo è indissolubilmente legata alla visone leninista della stessa e cioè come spiegò Lenin in ” L’estremismo malattia infantile del comunismo” : la partecipazione alle elezioni parlamentari e alla lotta dalla tribuna parlamentare è obbligatoria per il partito del proletariato rivoluzionario, precisamente al fine di educare gli stati arretrati della propria classe, precisamente al fine di risvegliare e di illuminare le masse rurali, non evolute, oppresse, ignoranti. Finché voi non siete in grado di sciogliere il Parlamento borghese e le istituzioni reazionarie di ogni tipo, voi avete l’obbligo di lavorare nel seno di tali istituzioni appunto perché là vi sono ancora degli operai ingannati dai preti e dall’ambiente dei piccoli centri sperduti; altrimenti rischiate di essere soltanto dei chiacchieroni.

Comitscientoper (Comitato-Scientifico-Operativo)-Partito di Unita’ Comunista-P.d.U.C.